Salute

Conoscere la polio: quali sono le cause, i sintomi e come prevenirla?

La poliomielite è uno dei problemi di salute più comuni nei bambini. Segnalato da kemkes.go.id, il virus che causa questa malattia si trova ampiamente in ambienti con sistemi igienico-sanitari scadenti.

La poliomielite è causata da un virus che attacca il sistema nervoso e può paralizzare il malato. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), 1 caso su 200 di infezione da poliomielite causerà una paralisi permanente.

Finora non esiste una cura per la poliomielite. Tuttavia, la prevenzione può essere effettuata in diversi modi, dalla pratica di uno stile di vita pulito alla somministrazione di vaccini.

La poliomielite oggi

Secondo quanto riportato da kemkes.go.id, dal 2016 fino ad ora la polio è ancora dichiarata come un'emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale (PHEIC) o un'emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale (KKMMD).

Sulla base dei dati della Global Polio Eradication Initiative, dal 2018 alla settimana 38 del 2019, il numero di casi di polio nel mondo è stato di 296 casi. Consiste in 111 casi di tipo WPV e 184 casi di virus della polio derivato da vaccino circolante (cVDPV).

Questi casi sono stati segnalati in 18 paesi, sia endemici (Afghanistan, Nigeria e Pakistan) che non endemici (Angola, Benin, Cina, Etiopia, Filippine, Ghana, Indonesia, Mozambico, Niger, Mozambico, Myanmar, Somalia, Papua Nuova Guinea ), Guinea e Repubblica centrafricana.

Leggi anche: Spesso confusi, scopriamo la differenza tra virus e batteri

Cos'è la poliomielite?

Avendo il termine medico poliomielite, la poliomielite appartiene a una classe di malattie altamente contagiose. È incline ad attaccare il sistema nervoso dei bambini, specialmente quelli sotto i 5 anni.

Segnalato da kemkes.go.id, il virus della polio che è stato trovato finora è di diversi tipi. Ci sono sotto forma di vaccino/sabin poliovirus, poliovirus selvaggio/ Virus selvaggio della poliomielite (WPV) e Virus della poliomielite derivato dal vaccino (VDPV).

Il poliovirus selvaggio stesso ha tre sierotipi, vale a dire il tipo 1, il tipo 2 e il tipo 3. Ciascuno ha una proteina del capside leggermente diversa. L'immunità a un sierotipo non conferisce immunità ad altri sierotipi.

Mentre lo stesso VDPV è un vaccino contro la poliomielite/virus sabin che muta e può causare paralisi.

Cause della poliomielite

Questa malattia è causata da un virus chiamato enterovirus. La sua diffusione può avvenire in vari modi.

In primo luogo, attraverso via oro-fecale, questo èL'ingresso del virus avviene attraverso cibi o bevande che sono stati contaminati con feci contenenti il ​​virus della poliomielite. Questa condizione apre l'opportunità al virus della polio di entrare attraverso la bocca e moltiplicarsi nell'intestino.

Inoltre, questo virus può diffondersi anche quando qualcuno che è stato infettato tossisce o starnutisce e spruzza saliva sulla superficie dell'aria.

Oltre ai bambini, ci sono altri gruppi considerati ad alto rischio di esposizione alla poliomielite. Tra questi ci sono donne incinte, che allattano e persone che soffrono di malattie autoimmuni come l'HIV.

I sintomi della poliomielite

Segnalato da linea della salute, dal 95 al 99 percento delle persone affette da questa malattia manifesta sintomi asintomatici. Questa condizione è nota come polio subclinica. Anche se sono asintomatici, le persone di questa categoria possono ancora diffondere la poliomielite ad altri.

I sintomi che compaiono quando una persona è affetta da questa malattia possono essere suddivisi in tre categorie, vale a dire:

poliomielite abortiva

È un'infezione da virus della polio che si verifica su una scala lieve e per un periodo di tempo relativamente breve. Di solito ha uno o più dei seguenti sintomi:

  1. Febbre
  2. Diminuzione dell'appetito
  3. Nausea con o senza vomito
  4. Gola infiammata
  5. Malessere, che è una sensazione di disagio, dolore e stanchezza che si manifesta senza motivo
  6. costipazione, e
  7. Dolore allo stomaco.

Polio che non provoca paralisi

I sintomi in questa categoria di infezione possono durare da 1 a 10 giorni. Le caratteristiche sono generalmente abbastanza lievi e assomigliano a una normale infezione.

Alcuni dei segni sono febbre, mal di gola, mal di testa, torcicollo alla colonna vertebrale, facile affaticamento, vomito. Tuttavia, in alcuni casi ci sono anche quelli che causano la meningite.

Leggi anche: Da sapere! Riconosci i sintomi della meningite in base alla causa

Polio che provoca paralisi

Come spiegato in precedenza, 1 caso su 200 di poliomielite ha il potenziale di causare la paralisi. Questo di solito si verifica perché il virus ha invaso con successo il midollo spinale (midollo osseo).poliomielite spinale), tronco encefalico (poliomielite bulbare), o entrambi (poliomielite bulbospinale).

Alcuni sintomi sono simili alla poliomielite, altri non causano la paralisi. Tuttavia, se esaminato in modo più dettagliato, dopo una settimana dall'infezione il malato sperimenterà sintomi peggiori come:

  1. Perdita del riflesso dell'arto
  2. Spasmi forti e dolori muscolari
  3. Stipsi
  4. salivazione eccessiva
  5. La perdita di equilibrio a volte si verifica solo su un lato del corpo
  6. Paralisi immediata, temporanea o permanente
  7. Disabilità degli arti, specialmente del bacino, delle caviglie e dei piedi.

Sebbene relativamente rari, i casi dell'1% di poliomielite che causano la paralisi devono ancora essere tenuti d'occhio. Inoltre, dal 5 al 10 percento di questi casi può continuare a manifestare complicazioni che attaccano il sistema respiratorio e causano la morte.

Sindrome dopo la poliomielite

Anche se hai subito un trattamento e sei stato dichiarato guarito, c'è ancora la possibilità che questa malattia attacchi di nuovo in futuro.

Ciò può verificarsi entro 15-40 anni dalla prima diagnosi. Alcuni dei sintomi più comuni di questa condizione sono:

  1. Sensazione costante di debolezza nelle articolazioni
  2. I muscoli stanno diventando sempre più doloranti ogni giorno
  3. È facile sentirsi stanchi e stanchi
  4. L'atrofia muscolare si chiama atrofia muscolare
  5. Respirazione difficoltosa
  6. È difficile ingoiare qualcosa
  7. Soffri di apnea notturna, il che significa che la respirazione si ferma per un po' nel bel mezzo del sonno
  8. Non tollera il freddo
  9. C'è dolore in altre parti dei muscoli che prima stavano bene
  10. Depressione
  11. Difficoltà a concentrarsi e
  12. È difficile ricordare qualcosa.

Segnalato da linea della salute, circa il 25-50 percento dei malati di poliomielite che sono riusciti a riprendersi è ancora a rischio di sviluppare questa sindrome.

Leggi anche: Benefici del riso nero, migliora la salute del fegato e del cuore

Diagnosi di poliomielite

Innanzitutto, il medico esaminerà i sintomi che si presentano ed eseguirà un esame fisico approfondito. Il medico controllerà i riflessi alterati, il livello di rigidità della schiena e del collo e quanto sia difficile per te sollevare la testa quando sei sdraiato.

Inoltre, come riportato da cedar-sinai.org, il medico completerà la diagnosi esaminando l'anamnesi del paziente ed effettuando diversi test come segue:

  1. Campionamento della gola
  2. Campionamento delle feci
  3. Livelli nel sangue o nel liquido cerebrospinale

Complicazioni della poliomielite

La complicazione più grave che può verificarsi da questa malattia è la paralisi. Gli effetti possono continuare a causare difficoltà respiratorie, difficoltà a deglutire e disturbi del sistema digestivo che portano alla morte.

Trattamento della poliomielite

I medici possono curare questa malattia solo se l'infezione è passata da sola. Dato che attualmente non esiste una cura per questa malattia, il modo migliore per curarla è prevenirla attraverso i vaccini.

Alcune delle fasi terapeutiche di supporto che possono essere adottate nei pazienti con questa malattia includono:

  1. Riposo completo
  2. Prendi antidolorifici, come l'ibuprofene o il paracetamolo
  3. Dieta sana
  4. Ridurre le attività quotidiane
  5. Somministrare farmaci antiepilettici per ridurre il dolore muscolare
  6. Somministrazione di antibiotici per il trattamento delle infezioni del tratto urinario
  7. Dare un ventilatore per aiutare la respirazione
  8. Fisioterapia per aiutare a camminare
  9. Dare assorbenti o asciugamani caldi per alleviare il dolore muscolare
  10. Terapia fisica per trattare il dolore nei muscoli infetti
  11. Terapia fisica per aiutare con problemi respiratori, e
  12. Riabilitazione polmonare per aumentare la resistenza polmonare.

Nei casi cronici che causano la paralisi delle gambe, al paziente di solito viene data una sedia a rotelle o altri ausili per la mobilità per supportare le attività quotidiane.

Come prevenire la poliomielite

La sua esistenza è molto facile da diffondere, rendendo questa malattia difficile da superare. Tuttavia, nel 1955 gli esperti erano riusciti a sviluppare un vaccino contro la poliomielite e da allora il numero di casi di questa malattia ha continuato a diminuire.

Segnalato da kemkes.go.id, il modo più efficace per prevenire l'infezione da virus della polio è attraverso l'immunizzazione. L'obiettivo è fornire un'immunità permanente alla polio, specialmente nei bambini. Esistono 2 tipi di vaccino antipolio, vale a dire:

Vaccino orale antipolio (OPV)

Questo vaccino viene somministrato per via orale. Attualmente disponibili in Indonesia sono Vaccino antipolio orale bivalente (bOPV) contenente poliovirus selvaggio di tipo 1 e 3.

Questa è una transizione da Vaccino antipolio orale trivalente (tOPV) il cui uso è stato interrotto perché WPV2 non si trova più in tutto il mondo.

Nel tempo questo vaccino è noto per avere un legame con l'insorgenza della poliomielite che causa la paralisi. Pertanto, la sua somministrazione non dovrebbe essere eseguita di routine e non dovrebbe essere somministrata a persone con malattie autoimmuni.

Nel programma di eradicazione del virus della polio pianificato nel 2030, l'uso del vaccino OPV sarà limitato e sarà gradualmente sostituito con il vaccino IPV.

Vaccino antipolio inattivato (IPV)

Dato per iniezione intramuscolare, questo vaccino contiene virus di tipo 1, tipo 2 e tipo 3. Il programma di somministrazione è solitamente suddiviso in 4 volte il processo di somministrazione.

L'IPV non può causare la poliomielite, perché il virus in esso contenuto è morto. Quindi questo vaccino è sicuro da usare anche nei bambini con malattie autoimmuni.

Se hai una storia di allergie alla neomicina, alla streptomicina o alla polimixina B, molto probabilmente non ti verrà somministrato questo vaccino.

Si spera che, secondo il programma di eradicazione della polio pianificato, l'uso dell'IPV possa aiutare ad accelerare l'eradicazione della polio nel mondo.

Reazioni allergiche ai vaccini

In alcuni casi, l'immunizzazione antipolio può causare reazioni allergiche da lievi a gravi. Alcuni di loro sono:

  1. Respirazione difficoltosa
  2. Febbre alta
  3. Dare le vertigini
  4. Eruzione cutanea pruriginosa
  5. Gonfiore della gola, e
  6. La frequenza cardiaca diventa più veloce del normale.

Fattori di rischio di diffusione

Diventi più a rischio di contrarre questa malattia se non sei stato vaccinato nei tempi previsti. Inoltre, alcune cose che possono renderti più suscettibile all'infezione con il virus della polio sono:

  1. Viaggiare in aree che hanno recentemente subito un'epidemia di poliomielite
  2. Prendersi cura o vivere con una persona che è stata infettata dalla poliomielite
  3. Lavorare in un laboratorio che gestisce i test del poliovirus
  4. Le tonsille sono state rimosse
  5. Sperimentare un forte stress e
  6. Intraprendere altre attività che richiedono di essere esposti a questo virus.

Consulta i tuoi problemi di salute e la tua famiglia attraverso il servizio Good Doctor 24/7. I nostri partner medici sono pronti a fornire soluzioni. Dai, scarica l'applicazione Good Doctor qui!