Salute

Cos'è la calcificazione placentare? Ecco le cause e i sintomi!

Calcificazione della placenta o calcificazione placentare è una condizione che si verifica nella placenta o placenta durante la gravidanza. Sebbene possa sembrare spaventoso, questa condizione, nota anche come calcificazione della placenta, non è una malattia o un disturbo medico.

Per saperne di più sulla calcificazione della placenta, puoi vedere la recensione qui sotto!

Cos'è la calcificazione placentare?

La calcificazione placentare è la deposizione di minerali calcio-fosfato nel tessuto placentare. Questa condizione si verifica durante il processo di gravidanza.

Molti ricercatori considerano la calcificazione della placenta un normale processo di invecchiamento, non correlato alla malattia.

La placenta è solitamente descritta come attraversa quattro fasi, da 0 (più matura) a III (più matura). Lo sviluppo della placenta inizia a livello zero all'inizio della gravidanza.

I cambiamenti possono essere visti da 12 settimane in poi. Con il progredire della gravidanza, la placenta matura e si indurisce.

La calcificazione della placenta influisce sul processo di consegna?

Gli esperti sembrano avere opinioni diverse sull'importanza di una placenta calcificata durante il parto a causa della mancanza di prove conclusive.

Alcuni cambiamenti nella placenta durante la tarda gravidanza sono considerati una parte normale della gravidanza e non sono considerati motivo di preoccupazione.

Tuttavia, nei casi in cui i cambiamenti sono avvenuti prima del previsto, c'è qualche disaccordo sul loro significato.

Tipi o fasi di calcificazione della placenta

I tipi di calcificazione della placenta sono suddivisi in diverse categorie in base al momento in cui si verificano. Ecco la spiegazione.

1. Cambiamenti tra 28 e 36 settimane di gravidanza

La calcificazione placentare prima delle 32 settimane di gestazione è chiamata "calcificazione placentare prematura prematura". È noto per essere associato a un rischio più elevato di complicanze della gravidanza e del parto, come ad esempio:

  • Sanguinamento abbondante dopo la nascita o emorragia postpartum
  • distacco di placenta
  • Bambino prematuro
  • Avere un bambino con un punteggio Apgar basso
  • Nato morto.

2. Modifiche a oltre 36 settimane

Uno studio ha dimostrato che avere una placenta di terzo grado a 36 settimane era associato a un aumento del rischio di ipertensione correlata alla gravidanza e di avere un bambino di basso peso alla nascita.

3. Cambiamenti tra 37 e 42 settimane di gestazione

La placenta calcificata di grado III dalla 37a settimana in poi si trova in circa il 20-40% delle gravidanze normali. Tuttavia, è considerato di scarso significato clinico.

Potrebbe essere necessario valutare gli effetti di una placenta calcificata caso per caso, a seconda di:

  • Quanto presto si vedono i cambiamenti
  • Quanto è grave la condizione
  • È una gravidanza ad alto rischio o no.

Cause di calcificazione della placenta

La causa esatta della calcificazione della placenta è ancora sconosciuta. Tuttavia, questa condizione è più comune in:

  • ragazza più giovane
  • Donne che sono incinte per la prima volta
  • Donne che hanno fumato durante la gravidanza.

I segni e i sintomi della calcificazione della placenta

Questa condizione di solito non causa sintomi. In passato, la calcificazione della placenta veniva identificata solo dopo la nascita quando la placenta veniva esaminata fisicamente da un medico o da un'ostetrica.

La calcificazione placentare è riconosciuta dalla scoperta di piccoli depositi di calcio bianco che sembrano duri come pietre.

Ma ora questa condizione può essere identificata utilizzando la tecnologia grafica sonar 3D. Poiché non causa sintomi, puoi consultare un medico per una revisione.

Rischio di calcificazione della placenta

I depositi di calcio nella placenta dovuti al processo di calcificazione possono causare la morte di parte della placenta o essere sostituita da tessuto fibroso che può avere un impatto negativo sulla placenta.

Questo accumulo di calcio può anche aumentare il rischio di coaguli di sangue nella placenta e rallentare il flusso sanguigno al bambino.

Fortunatamente, le complicazioni dovute alla calcificazione della placenta sono quasi inesistenti e nella maggior parte dei casi sono innocue per il bambino.

Come prevenire la calcificazione della placenta

Poiché anche la causa esatta non è nota con certezza, anche come prevenire la calcificazione della placenta è ancora incerto.

Tuttavia, ci sono alcune cose che puoi fare come misura preventiva:

  • Se la tua età gestazionale è superiore a 37 settimane, non c'è nulla di cui preoccuparsi.
  • Assicurati di consumare l'assunzione giornaliera di calcio come raccomandato.
  • Puoi anche ottenere calcio quotidiano dal cibo, sai, quindi oltre a limitare gli integratori, tieni d'occhio ciò che consumi.
  • Sarai più a rischio di sviluppare calcificazione della placenta se hai una storia di ipertensione o diabete, quindi è importante mantenere uno stile di vita in modo da non innescare queste 2 condizioni.

Consulta i problemi di salute per le mamme e le famiglie attraverso Good Doctor in servizio 24 ore su 24, 7 giorni su 7. I nostri partner medici sono pronti a fornire soluzioni. Dai, scarica l'applicazione Good Doctor qui!