Salute

Malattia infiammatoria intestinale: cause, sintomi e come superarla

Malattia infiammatoria intestinale o malattia infiammatoria intestinale (IBD) è un termine usato per descrivere due condizioni di disturbi digestivi, vale a dire la colite ulcerosa e il morbo di Crohn.

Entrambe queste malattie colpiscono le prestazioni dell'intestino crasso, dell'intero apparato digerente, anche di altri organi come la bocca e gli occhi.

Per saperne di più sulla colite e sui suoi tipi, basta dare un'occhiata alle recensioni qui sotto!

Cos'è la malattia infiammatoria intestinale

La malattia infiammatoria intestinale è un termine generico usato per descrivere i disturbi che coinvolgono l'infiammazione cronica del tratto digestivo.

Esistono due tipi principali e comuni di malattie infiammatorie intestinali:

  • Colite ulcerosa. Questa condizione provoca infiammazione a lungo termine e piaghe (ulcere) nel rivestimento più interno del colon e del retto.
  • Morbo di Crohn. Questo tipo di IBD è caratterizzato da sintomi di infiammazione del rivestimento del tubo digerente, che spesso si diffonde in profondità nei tessuti colpiti.

Mentre la colite ulcerosa colpisce solo l'intestino crasso, la malattia di Crohn può colpire qualsiasi parte dell'apparato digerente, dalla bocca all'ano.

Chiunque di qualsiasi età può sperimentare questa malattia, ma di solito viene diagnosticata tra i 15 ei 40 anni.

Cause della malattia infiammatoria intestinale

La causa esatta della malattia infiammatoria intestinale è ancora sconosciuta. Tuttavia, si ritiene che fattori genetici e il sistema immunitario siano associati a questa malattia.

Genetica

Potresti essere più a rischio di sviluppare la colite se hai fratelli o genitori che hanno anche una storia di questa malattia.

Questo è il motivo per cui gli scienziati ritengono che l'IBD possa avere anche una componente genetica.

Sistema immune

Normalmente, il sistema immunitario protegge il corpo dagli agenti patogeni (organismi che causano malattie e infezioni). Le infezioni batteriche o virali dell'apparato digerente possono innescare una risposta immunitaria.

Quando il corpo cerca di combattere gli agenti patogeni in arrivo, il tratto digestivo si infiamma. Quando l'infezione scompare, l'infiammazione scompare. Questa è una risposta salutare.

Nelle persone con IBD, l'infiammazione persiste anche quando non c'è infezione. Invece, il sistema immunitario attacca le cellule del corpo. Questa è nota come risposta autoimmune.

L'IBD può verificarsi anche quando l'infiammazione non scompare dopo che l'infezione si è risolta. L'infiammazione può continuare per mesi o addirittura anni.

Fattori di rischio per la malattia infiammatoria intestinale

Esistono 2 tipi di malattie infiammatorie intestinali con diversi fattori di rischio.

Fattori di rischio per la colite ulcerosa

  • Età. La maggior parte delle persone con diagnosi di IBD ha tra i 15 ei 30 anni o dopo aver compiuto 60 anni.
  • etnico: Le persone di origine ebraica ashkenazita sembrano avere un rischio maggiore di colite ulcerosa rispetto ad altri gruppi etnici. Sebbene i bianchi abbiano il più alto rischio di malattia, può verificarsi in qualsiasi razza.
  • Genetica. Anche le persone con parenti stretti che hanno la colite ulcerosa hanno un rischio maggiore di svilupparla.

Fattori di rischio della malattia di Crohn

Gli operatori sanitari non comprendono appieno le cause della malattia di Crohn.

Tuttavia, hanno identificato diversi fattori che possono aumentare il rischio di una persona di sviluppare la malattia, tra cui:

  • Genetica. Le persone che hanno un genitore o un fratello con la malattia di Crohn hanno maggiori probabilità di svilupparlo da sole.
  • Consumo di alcuni farmaci. L'uso di alcuni farmaci, come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), i farmaci anticoncezionali e gli antibiotici, può aumentare il rischio di malattia di Crohn.
  • Fumo. Questa abitudine può raddoppiare il rischio di Crohn.
  • modello di dieta. Una dieta ricca di grassi può anche aumentare il rischio di malattia di Crohn.

I sintomi della malattia infiammatoria intestinale

I sintomi dell'IBD possono variare a seconda del tipo, della posizione e della gravità. Secondo il CDC, i seguenti sono sintomi comuni della malattia infiammatoria intestinale:

  • Presenza di sangue nelle feci
  • Diarrea prolungata
  • Stanchezza estrema
  • Perdita di peso

Le persone con malattia di Crohn possono anche avere il mughetto in bocca. A volte compaiono anche piaghe o protuberanze intorno all'area genitale o all'ano.

Inoltre, l'IBD può anche causare sintomi di disturbi al di fuori dell'apparato digerente, come:

  • Infiammazione dell'occhio
  • Disturbi della pelle
  • Artrite
  • Febbre
  • Perdita di appetito

I sintomi dell'IBD possono andare e venire. Ci possono essere momenti in cui i sintomi sono gravi (riacutizzazioni), seguito da un periodo prolungato in cui i sintomi sono scarsi o assenti (remissione).

Complicazioni della malattia infiammatoria intestinale

Esperti sanitari e ricercatori hanno collegato una serie di complicazioni a questa malattia infiammatoria intestinale. Alcuni di loro possono anche essere pericolosi per la vita.

La colite ulcerosa e il morbo di Crohn hanno alcune delle stesse complicazioni e alcune diverse.

Complicanze comuni della malattia infiammatoria intestinale

Le complicazioni riscontrate in entrambe le condizioni possono includere:

  • Cancro al colon. Avere IBD aumenta il rischio di cancro al colon. Quindi si consiglia di essere sottoposti a screening per il cancro del colon e di sottoporsi a una colonscopia ogni 10 anni a partire dall'età di 50 anni.
  • Infiammazione della pelle, degli occhi e delle articolazioni. Alcuni disturbi, tra cui artrite, lesioni cutanee e infiammazione degli occhi (uveite), può verificarsi durante IBD riacutizzazioni.
  • Effetti collaterali dei farmaci. Alcuni farmaci per l'IBD sono associati a un piccolo rischio di sviluppare determinati tipi di cancro. I corticosteroidi possono essere associati a un rischio di osteoporosi, ipertensione e altre condizioni.
  • Colangite sclerosante primitiva. In questa condizione, l'infiammazione provoca cicatrici all'interno dei dotti biliari, che alla fine li restringono e portano gradualmente a danni al fegato.
  • Coagulo di sangue. L'IBD aumenta il rischio di coaguli di sangue nelle vene e nelle arterie.

Le complicanze della colite ulcerosa possono includere:

  • Megacolon tossico. La colite ulcerosa può causare la dilatazione e il rigonfiamento del colon, una condizione grave nota come megacolon tossico.
  • L'aspetto di un buco nell'intestino crasso (perforazione del colon). Un colon perforato è più spesso causato da megacolon tossico, ma può anche verificarsi da solo.
  • Disidratazione grave. Un'eccessiva diarrea può portare alla disidratazione.

Complicanze del morbo di Crohn

  • Ostruzione intestinale. Il Crohn colpisce lo spessore della parete intestinale. Nel tempo, parti dell'intestino possono ispessirsi e restringersi, il che può bloccare il flusso del contenuto digestivo.
  • Malnutrizione. Diarrea, mal di stomaco e crampi possono rendere difficile mangiare così come l'intestino, quindi diventa difficile assorbire i nutrienti per il corpo. L'anemia dovuta al basso contenuto di ferro e alla mancanza di assunzione di vitamina B12 può verificarsi anche a causa dell'IBD.
  • ulcere. L'infiammazione cronica può causare ferite aperte (ulcere/ulcere)ulcere) ovunque nel tratto digestivo. Compresi la bocca e l'ano e nell'area genitale (perineo).
  • Fistola. Qualche volta ulcere può estendersi attraverso la parete intestinale e creare fistole, che sono connessioni anormali tra diverse parti del corpo. Generalmente, le fistole compaiono vicino o intorno all'area anale. In alcuni casi, la fistola può infettarsi e formare un ascesso.
  • ragade anale. Queste sono piccole lacrime nel tessuto che riveste l'ano o nella pelle intorno all'ano dove può verificarsi l'infezione. È spesso associato a movimenti intestinali dolorosi e può portare a una fistola perianale.

Quando dovresti andare dal dottore?

Consultare immediatamente un medico se si verificano cambiamenti persistenti nelle abitudini intestinali. O se hai segni e sintomi di malattie infiammatorie intestinali.

Sebbene la malattia infiammatoria intestinale di solito non sia fatale, è una malattia grave che, in alcuni casi, può portare a complicazioni potenzialmente letali.

Come viene diagnosticata la malattia infiammatoria intestinale?

Quando visiti l'ospedale, ci sono diversi metodi che i medici di solito usano per diagnosticare se hai una malattia infiammatoria intestinale.

Ecco alcuni metodi che vengono solitamente utilizzati per diagnosticare la colite:

  • Test del campione di feci
  • Esami del sangue, per verificare la presenza di anemia o infezione
  • Raggi X, questo viene fatto se il medico sospetta una grave complicazione
  • Scansione TC o MRI, per rilevare fistole nell'intestino tenue o nell'area anale

I medici possono anche eseguire una procedura endoscopica, che prevede l'inserimento di una sonda flessibile con una telecamera collegata attraverso l'ano.

Procedure endoscopiche per la rilevazione di IBD

Questa procedura aiuta a rilevare eventuali danni intestinali e consente al medico di prelevare un piccolo campione di tessuto per l'esame.

Ecco alcuni tipi di procedure endoscopiche che i medici possono utilizzare per diagnosticare l'IBD:

  • Colonscopia. I medici lo usano per esaminare l'intero colon
  • Sigmoidoscopia flessibile. Questo esame aiuta il medico a esaminare la fine dell'intestino crasso
  • Endoscopio superiore. Questa procedura consente al medico di esaminare l'esofago, lo stomaco e la prima parte dell'intestino tenue
  • endoscopio a capsula. Questa procedura richiede di ingoiare una capsula contenente la fotocamera, consentendo al medico di esaminare l'intestino tenue

Trattamento delle malattie infiammatorie intestinali

Al momento non esiste una cura per l'IBD. Gli obiettivi del trattamento sono ridurre i sintomi, raggiungere e mantenere la remissione e prevenire le complicanze.

I trattamenti più comuni per l'IBD sono i farmaci e la chirurgia. Ecco le recensioni una per una.

1. Consumo di droghe

I farmaci usati per trattare la colite ulcerosa o il morbo di Crohn includono:

  • Aminosalicilati o mesalazine, che possono ridurre l'infiammazione nell'intestino
  • Immunosoppressori, come steroidi o azatioprina per ridurre l'attività del sistema immunitario
  • Biologici e farmaci biosimilari, che sono trattamenti a base di anticorpi somministrati per iniezione che colpiscono parti specifiche del sistema immunitario
  • Antibiotici

2. Cambiamenti nello stile di vita

Alcuni fattori dietetici e di stile di vita possono peggiorare i sintomi dell'IBD.

Tuttavia, apportare cambiamenti positivi alle abitudini e allo stile di vita sani può aiutarti a gestire i sintomi e ridurre l'infiammazione.

3. Dieta

Alcuni sforzi dietetici di cui le persone con IBD possono trarre beneficio includono:

  • Tieni un diario alimentare per monitorare se alcuni sintomi si verificano o meno dopo aver mangiato determinati alimenti
  • Limitare l'assunzione di latticini
  • Limitare l'assunzione di cibi ricchi di grassi
  • Evita o limita l'assunzione di cibi piccanti, caffeina e alcol
  • Limitare l'assunzione di cibi ricchi di fibre, soprattutto se l'intestino si è ristretto
  • Mangia spesso piccoli pasti invece di pasti abbondanti
  • Bevi tanta acqua
  • Assumere integratori vitaminici e minerali, per prevenire carenze nutrizionali

4. Smetti di fumare

Recenti ricerche hanno mostrato un legame tra il fumo e il morbo di Crohn. Il fumo è un fattore di rischio per lo sviluppo di questa condizione e può peggiorare i sintomi.

Quindi si consiglia di non fumare e di smettere di usare altri prodotti del tabacco come i sigari.

5. Funzionamento

A volte è necessaria una procedura chirurgica o un intervento chirurgico per trattare i problemi di IBD. Alcuni interventi chirurgici IBD includono:

  • stenosiplastica, per allargare l'intestino ristretto
  • Chiusura o rimozione della fistola
  • Rimozione della parte interessata dell'intestino, per le persone con malattia di Crohn
  • Rimozione dell'intero colon e del retto, per i casi gravi di colite ulcerosa

La colonscopia viene utilizzata di routine per monitorare il cancro del colon, poiché quelli con IBD hanno un rischio maggiore di svilupparlo.

Suggerimenti per prevenire le malattie infiammatorie intestinali

Le cause ereditarie di IBD non possono essere prevenute. Tuttavia, potresti essere in grado di ridurre il rischio di sviluppare IBD o prevenire una ricaduta:

  • Mangia cibo sano
  • Allenarsi regolarmente
  • Smettere di fumare

Consulta i tuoi problemi di salute e la tua famiglia attraverso il servizio Good Doctor 24/7. I nostri partner medici sono pronti a fornire soluzioni. Dai, scarica l'applicazione Good Doctor qui!