Salute

Difterite

La difterite è causata dal Corynebacterium diphtheriae che attacca generalmente le mucose del naso e della gola.

In Indonesia in particolare, e nel mondo in generale, questa malattia si è verificata fino a raggiungere il livello di Eventi Straordinari (KLB). Secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il tasso di mortalità nei bambini di età inferiore ai 5 anni raggiunge una media del 5-10 percento.

Mentre la cifra è piuttosto alta, che è di circa il 20 percento si verifica negli adulti di età superiore ai 40 anni.

Leggi anche: Sane speranze per i diabetici, applicare cardio e dieta ipocalorica

Cos'è la difterite?

La difterite è una grave infezione batterica che colpisce le mucose e la gola. Questa malattia può causare infiammazione delle tonsille (tonsille).

Questa malattia ostruisce le vie aeree che alla fine causa difficoltà a respirare a coloro che sono infetti.

Quali sono le cause della difterite?

Corynebacterium diphtheriae è il principale batterio che causa la tonsillite difterica. Di solito, la trasmissione di questo batterio avviene da uomo a uomo tramite goccioline (sputacchi) provenienti da tosse, starnuti o vomito.

Questa malattia si diffonde facilmente da una persona all'altra. Inoltre, la trasmissione può avvenire anche attraverso posate o contatto diretto toccando ferite aperte sulla pelle.

Infatti, una persona può essere infettata anche entrando in contatto con un oggetto, come un giocattolo, che viene toccato dai batteri che causano la difterite.

Chi è più a rischio di contrarre la difterite?

I bambini di età inferiore ai 5 anni e gli adulti di età superiore ai 60 anni sono particolarmente a rischio di contrarre l'infezione. Tuttavia, le persone a rischio di contrarre la tonsillite difterica includono anche:

  • Bambini e adulti non vaccinati
  • Qualcuno che vive in un ambiente affollato e malsano
  • Una persona che si reca in un'area in cui l'infezione da difterite è più comune

La difterite nei bambini può causare sintomi che li mettono a disagio. Pertanto, è meglio trattarlo il prima possibile.

Quali sono i sintomi e le caratteristiche della difterite?

Le tossine prodotte dai batteri che causano questa malattia uccideranno le cellule sane nella gola che alla fine diventeranno cellule morte che formano una membrana grigia (strato sottile) nella gola.

Inoltre, le tossine prodotte dai batteri hanno anche il potenziale di diffondersi nel flusso sanguigno e danneggiare il cuore, i reni e il sistema nervoso.

Questa malattia ha generalmente un periodo di incubazione di circa due-cinque giorni dal momento in cui i batteri entrano nel corpo. I sintomi possono anche essere distinti in base alla posizione dell'infezione. Ecco qui alcuni di loro:

1. Difterite respiratoria

Questo è il caso più comune. Infatti, prima che fosse sviluppato un trattamento medico efficace, circa la metà dei casi con questi sintomi è morta. Alcuni dei sintomi sono:

  • Il corpo si sente debole
  • La gola fa male
  • Dolore durante la deglutizione
  • La febbre non è alta o inferiore a 38,5 gradi Celsius.

Nei casi più gravi può essere caratterizzato da:

  • Difficile da ingoiare
  • Difficile respirare
  • Gonfiore sul collo che sembra il collo di una mucca (collo di toro).

Soprattutto per la difterite nei bambini, la posizione principale è nella gola superiore e inferiore.

2. Difterite nasale

Sebbene le sostanze tossiche prodotte dalla difterite nasale siano difficili da assorbire nel corpo, possono facilmente diffondere l'infezione ad altre persone.

I sintomi iniziali sperimentati dai malati sono solitamente simili al comune raffreddore che poi si sviluppa per formare una membrana o una membrana nel tessuto tra le narici che è accompagnata da muco e può essere mescolata con il sangue.

3. Pelle difterica

Il sintomo più comune della difterite cutanea è un'eruzione cutanea. Casi come questo sono i casi più rari, soprattutto in paesi con buone condizioni economiche.

Questo caso è ampiamente segnalato per attaccare i senzatetto e di solito si verifica nelle aree tropicali. La condizione più comune inizia come un'infezione che si verifica in un'area aperta della pelle che può allargarsi e causare dolore per diverse settimane o più.

Le infezioni della pelle difterite possono trasmettere batteri al tratto respiratorio nelle persone che hanno una ridotta immunità. Tuttavia, anche così, questa infezione della pelle è classificata come lieve perché può essere facilmente trattata.

Casi come questo di solito si verificano senza sintomi e possono essere contagiosi perché possono diffondere i batteri senza nemmeno essere notati da soli. Le persone infette che non sono consapevoli della loro malattia sono conosciute come portatrici di difterite.

Quali sono le possibili complicanze della difterite?

Se non trattate immediatamente, le tossine dei batteri causeranno complicazioni gravi e pericolose per la vita, specialmente nei bambini e negli anziani. Alcune complicazioni sono pericolose per la vita, come:

1. Problemi respiratori

Le tossine prodotte dai batteri che causano questa malattia danneggiano i tessuti nelle immediate vicinanze dell'infezione come il naso e la gola. In quella zona, l'infezione produce una membrana grigia costituita da cellule morte che bloccherà le vie respiratorie.

2. Danni cardiaci

Le tossine o le tossine possono diffondersi attraverso il flusso sanguigno e danneggiare altri tessuti del corpo causando complicazioni come l'infiammazione del muscolo cardiaco (miocardite).

Queste complicazioni possono portare a problemi come battito cardiaco irregolare, insufficienza cardiaca e morte improvvisa.

3. Danno ai nervi

Il veleno di questa malattia può danneggiare i nervi che aiutano a controllare i muscoli utilizzati per la respirazione. Se questi muscoli si paralizzano, potresti aver bisogno di assistenza meccanica per respirare.

4. Difterite ipertossica

L'ipertossicità è la forma più pericolosa di complicanze. Questa difterite ipertossica attiverà gravi emorragie per causare insufficienza renale.

Come trattare e curare la difterite?

Esistono diversi modi per trattare la tonsillite difterica. Ecco una spiegazione completa.

Trattamento dal dottore

Il medico ti farà alcune domande sui sintomi che stai riscontrando. Se necessario, il medico preleverà anche un campione di muco nella gola, nel naso o nelle ulcere cutanee da esaminare in laboratorio.

Se sei fortemente sospettato di avere o sei stato infettato, il medico adotterà immediatamente le misure di trattamento. L'azione può essere svolta anche prima che ci siano risultati definitivi dal laboratorio.

Per quelli di voi che sono infetti e hanno difficoltà a respirare, il medico consiglierà il processo di rimozione della membrana (membrana). Nel frattempo, ai pazienti con sintomi sulla pelle, verrà consigliato di pulirla regolarmente con acqua e sapone.

Come curare la difterite naturalmente a casa

Il recupero da questa malattia richiede molto riposo. Dovresti evitare di fare qualsiasi attività fisica. Potrebbe anche essere necessario nutrirsi per un po' di tempo attraverso liquidi e cibi morbidi a causa della difficoltà di deglutizione.

Un rigoroso isolamento è necessario per prevenire la trasmissione di malattie, specialmente in vettore. Non solo, lavarsi sempre le mani correttamente è molto importante per limitare la diffusione dell'infezione.

Quali sono i farmaci contro la difterite comunemente usati?

Per trattare la tonsillite difterica, i seguenti sono farmaci comunemente usati.

Medicina per la difterite in farmacia

Per curare questa malattia, dovresti consumare farmaci prescritti da un medico. Questo ha lo scopo di evitare possibili effetti collaterali.

Il consiglio che ti verrà dato dal medico è l'autoisolamento nella sala di trattamento dell'ospedale dandoti due tipi di medicine.

Antibiotici

Il medico ti darà degli antibiotici per uccidere i batteri e curare l'infezione. La dose di antibiotici dipende dalla gravità dei sintomi e da quanto tempo il tuo corpo ha sofferto di questa malattia.

Di solito, ci vorranno due settimane per prendere gli antibiotici come indicato dal medico. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti è riuscita a uscire dalla stanza di isolamento dopo aver assunto antibiotici per due giorni.

Dopo due settimane di assunzione di antibiotici, ti sottoporrai a test di laboratorio per vedere se ci sono batteri nel sangue. Se i batteri si trovano ancora nel corpo, il medico continuerà l'uso di antibiotici per 10 giorni.

Antitossina

Dare antitossina serve a neutralizzare la tossina difterica o veleno che si diffonde nel corpo. Prima di somministrare un'antitossina, il medico verificherà se il tuo corpo ha un'allergia al farmaco o meno.

Se si verifica una reazione allergica, il medico ti somministrerà una dose bassa di antitossina e la aumenterà lentamente mentre osservi lo sviluppo del tuo corpo.

Rimedio naturale contro la difterite

Per curare questa malattia, puoi anche provare dei rimedi naturali. Ecco i rimedi naturali per la tonsillite difterica Timesnownews.com.

  • Aglio: L'aglio è un rimedio casalingo efficace per il trattamento di vari disturbi, inclusa la difterite
  • Ananas: Il consumo di succo d'ananas può aiutare a lenire la gola, riducendo i sintomi di questa condizione. Il succo d'ananas stesso contiene anche beta-carotene che può aiutare a curare la difterite
  • Congedo di basilico: Le proprietà antibatteriche delle foglie di basilico possono aiutare a curare le infezioni respiratorie

Tuttavia, prima di fare questo trattamento domiciliare, è una buona idea consultare prima il proprio medico, per avere maggiori informazioni sul medicinale naturale per la tonsillite difterica.

Leggi anche: Giocatori online, attenzione a questa malattia della mano che ti sta perseguitando

Quali sono i cibi e i tabù per le persone con difterite?

Proprio come la maggior parte delle altre malattie, anche la difterite ha alcuni cibi da evitare. Tra gli altri ci sono:

  • Cibo piccante
  • Cibo grasso e grasso
  • Alcol

Come prevenire la difterite?

Prima che gli antibiotici diventassero disponibili, questa malattia era comune nei bambini piccoli. Attualmente, questa malattia non è solo curabile, ma anche prevenibile. Tra questi mantenendo l'igiene e l'immunizzazione.

Vaccinazione contro la difterite come misura preventiva

L'immunizzazione della difterite somministrando il vaccino è il passo migliore per prevenire sia la difterite negli adulti, la difterite nei bambini, sia i portatori di difterite.

Da quando il vaccino contro il tossoide difterico è stato introdotto negli anni '40, a livello globale nel periodo dal 1980 al 2000, i casi totali sono diminuiti di oltre il 90%.

Nella sola Indonesia, l'immunizzazione DPT o difterite, pertosse e tetano è stata avviata nel 1976 e somministrata tre volte, vale a dire ai bambini di due mesi, tre mesi e quattro mesi.

Ora, la somministrazione del vaccino si è sviluppata e viene eseguita cinque volte. Questo è quando il bambino ha due mesi, tre mesi, quattro mesi, un anno e mezzo e cinque anni. Inoltre, un richiamo può essere somministrato con un vaccino simile (Tdap/Td) all'età di 10 e 18 anni.

L'immunizzazione di follow-up, che è inclusa nel programma di immunizzazione di routine all'età di 18 mesi, è stata avviata dal 2014 e l'immunizzazione Td ha anche sostituito l'immunizzazione TT per i bambini delle scuole elementari.

Tipi di vaccino per l'immunizzazione della difterite

La protezione ottimale per la comunità può essere ottenuta con una copertura vaccinale di routine, sia di base che avanzata. La copertura deve raggiungere un minimo del 95%, essere distribuita uniformemente in ogni distretto/città ed essere mantenuta.

I seguenti tipi di vaccini per l'immunizzazione di routine e le vaccinazioni di follow-up sono dati per prevenire questa malattia fino ad oggi:

  • DPT-HB-Hib (il vaccino combinato previene difterite, pertosse, tetano, epatite B e meningite e polmonite da Haemophilus influenzae di tipo B)
  • DT (vaccino combinato contro la difterite e il tetano)
  • Td (vaccino combinato tetano difterite)

È inoltre necessario sapere che se l'immunizzazione DPT è in ritardo, l'immunizzazione di inseguimento che verrà somministrata non verrà ripetuta dall'inizio.

Per i bambini di età inferiore ai sette anni che non hanno ricevuto l'immunizzazione DPT o hanno vaccinazioni incomplete, possono comunque ricevere vaccinazioni di recupero secondo la raccomandazione del medico.

Tuttavia, per i bambini di 7 anni che non hanno ancora completato il vaccino DPT, esiste un vaccino simile chiamato Tdap da somministrare. Tale protezione può generalmente proteggere il bambino per tutta la vita.

Assicurati di controllare regolarmente la tua salute e quella della tua famiglia tramite Good Doctor 24/7. Scarica qui per consultare i nostri partner medici.