Salute

Disfagia nei pazienti con ictus, questo disturbo della deglutizione può essere curato?

La deglutizione può sembrare un'attività semplice, ma in realtà è piuttosto complicata perché richiede che cervello, nervi, muscoli ed esofago lavorino insieme allo stesso tempo.

Varie malattie possono causare problemi di deglutizione, una delle più comuni è la disfagia (disturbi della deglutizione) nei pazienti con ictus.

Leggi anche: 5 fatti sulla TAC con PACS, l'ultima tecnologia per trattare l'ictus

I sintomi della disfagia

Secondo la Mayo Clinic, disfagia significa che hai bisogno di più tempo e sforzi per spostare cibo e liquidi dalla bocca allo stomaco.

Alcune persone sperimentano la disfagia e non se ne rendono conto, questo rende la malattia non diagnosticata e trattata troppo tardi. È quindi importante sapere che i sintomi della disfagia includono:

  1. Soffocare mentre si mangia
  2. Tosse o soffocamento durante la deglutizione
  3. salivare
  4. Il cibo o l'acido dello stomaco tornano in gola
  5. Mal di pancia ripetuto
  6. Raucedine
  7. Sensazione di cibo bloccato nella gola o nel petto, o dietro lo sterno
  8. Perdita di peso inspiegabile
  9. Riportare il cibo (rigurgito)
  10. Difficoltà a controllare il cibo in bocca
  11. Difficoltà ad avviare il processo di deglutizione
  12. Polmonite ricorrente
  13. Incapacità di controllare la saliva in bocca.

Disfagia nei pazienti con ictus

Se questo accade solo occasionalmente, probabilmente non devi preoccuparti troppo. Questa condizione è comunemente causata dal mangiare troppo velocemente o dal non masticare il cibo correttamente.

Tuttavia, la disfagia persistente può indicare una condizione medica che richiede un trattamento serio, incluso un ictus.

Secondo quanto riportato dall'NCBI, di 100 pazienti che hanno avuto incidenti ai vasi sanguigni nel cervello, circa il 50-60 percento ha sintomi di disfagia. Il resto è noto per avere evidenza di aspirazione o perdita di coscienza. Questi due sintomi sono i sintomi più comuni nella fase iniziale dell'ictus.

In che modo un ictus causa disfagia?

Esistono 3 tipi di deglutizione, la prima è la deglutizione involontaria che si verifica circa una volta al minuto, la seconda è la deglutizione riflessiva che viene innescata da uno stimolo improvviso, come una caduta involontaria di cibo nella faringe, e la terza deglutizione che si verifica mentre mangiare.

Quando la deglutizione viene attivata consapevolmente e implica la volontà, ci sono molte aree del cervello che vengono attivate. Questo non accade quando una persona ha un ictus.

Nei pazienti con ictus, di solito vengono danneggiate 1 o più aree del cervello che dovrebbero essere attive durante la deglutizione. Ciò interferirà quindi con la capacità di una persona di deglutire.

I sintomi della disfagia possono verificarsi anche se un ictus attacca il tronco cerebrale o provoca sanguinamento in questa regione. Infine, anche danni ai nervi o ai muscoli lungo l'asse deglutitivo possono causare disfagia.

Gestione della disfagia

Ecco alcuni metodi di trattamento dei disturbi della deglutizione o della disfagia che si distinguono per il tipo di disturbo.

1. Trattamento della disfagia orofaringea (disfagia elevata)

Questo di solito è causato da disturbi dei nervi, come il morbo di Parkinson e l'ictus. In generale, i metodi di trattamento utilizzati sono:

Terapia della deglutizione

Questo sarà fatto con un logopedista. L'individuo imparerà un nuovo modo di deglutire correttamente. L'esercizio aiuterà a migliorare i muscoli e il modo in cui rispondono.

Dieta

Dare alcuni cibi e liquidi, o una combinazione di questi, che sono più facili da inghiottire.

Alimentazione attraverso un tubo

Se i pazienti sono a rischio di polmonite, malnutrizione o disidratazione, potrebbe essere necessario alimentarli attraverso un tubo nasale (sondino nasogastrico) o PEG (gastrostomia endoscopica percutanea).

Il tubo PEG viene impiantato chirurgicamente direttamente nell'addome e attraverso una piccola incisione nell'addome.

Trattamento per la disfagia esofagea (bassa disfagia)

In generale, è necessario un intervento chirurgico per trattare la disfagia esofagea. Per maggiori dettagli, puoi vedere la seguente spiegazione:

  1. Dilatazione, se l'esofago deve essere allargato (a causa del restringimento, ad esempio), può essere inserito un piccolo palloncino e quindi gonfiato (quindi rimosso).
  2. Tossina botulinica (Botox) – solitamente utilizzata per paralizzare i muscoli dell'esofago che si irrigidiscono (acalasia).
  3. Se la disfagia è causata dal cancro, il paziente verrà indirizzato a un oncologo per il trattamento e potrebbe essere necessaria la rimozione chirurgica del tumore.

La disfagia può risolversi spontaneamente?

È noto che alcune condizioni di disfagia migliorano spontaneamente nel tempo. Questo vale anche per i casi di disfagia da ictus.

Tuttavia, se il sistema, in particolare quelli che coinvolgono i muscoli striati, non viene utilizzato, gli organi utilizzati per la deglutizione si indeboliranno e inizieranno a smettere di crescere.

Sebbene la capacità di deglutire possa tornare senza terapia, i muscoli della deglutizione diventeranno progressivamente più deboli durante questo periodo di attesa. Pertanto, i medici non dovrebbero ritardare il trattamento nella speranza che questo disturbo guarisca da solo.

La terapia della deglutizione è molto importante nel trattamento dei pazienti con disfagia, perché i muscoli della deglutizione devono essere mantenuti per continuare a funzionare correttamente.

Consulta i tuoi problemi di salute e la tua famiglia tramite Good Doctor in servizio 24 ore su 24, 7 giorni su 7. I nostri partner medici sono pronti a fornire soluzioni. Dai, scarica l'applicazione Good Doctor qui!