Salute

È vero che la perdita della capacità di annusare e gustare è un sintomo precoce del Corona Virus?

Nelle ultime settimane c'è un sintomo del Corona virus di cui si discute tra i medici di tutto il mondo, ovvero la perdita della capacità di annusare e gustare.

È stato scoperto che le persone infette dal coronavirus sperimentano anosmia (perdita della capacità di annusare) e disgeusia (perdita della capacità di gustare), specialmente nei primi giorni in cui il corpo è stato appena infettato dal virus.

Questi due sintomi sono anche un segno che il paziente dovrebbe iniziare l'auto-quarantena prima che i sintomi si trasformino in tosse o febbre.

Quindi, dobbiamo essere consapevoli che la nostra capacità di odorare e gustare è diminuita o persa?

Cos'è l'anosmia e la disgeusia?

L'anosmia è una condizione in cui una persona perde la capacità di annusare o inalare gli aromi, che colpisce molte cose, inclusa la capacità di gustare il cibo.

L'anosmia può anche mettere il malato in una situazione pericolosa perché potrebbe non notare l'odore di gas che fuoriesce o desidera bere latte che è già stantio ed emette un forte odore.[3]

L'anosmia è anche strettamente correlata alla capacità del senso del gusto. Questo perché la lingua può assaggiare combinando le capacità sensoriali di gustare e annusare il cibo.

Perciò, L'anosmia di solito si verifica con disgeusia o perdita della capacità della lingua di gustare.

Le cause dell'anosmia variano, tra cui influenza, congestione nasale, infezioni del seno, scarsa qualità dell'aria, esposizione a sostanze chimiche tossiche o infezioni virali.

È vero che l'anosmia e la disgeusia sono i primi sintomi dell'infezione da COVID-19?

Come il nuovo Corona virus, molte cose nuove scoperte dai medici insieme al numero crescente di persone infettate da questo virus.

Recentemente, il dott. Nirmal Kumar, presidente dell'Associazione britannica di specialisti ORL (ENTUK) ha ricevuto segnalazioni che ci sono in giro 500 pazienti COVID-10 che hanno perso l'olfatto.

Non solo nel Regno Unito, la Corea del Sud ha anche scoperto che il 30% dei pazienti COVID-19 con sintomi lievi presentava anosmia. Casi di anosmia nei malati di Covid-19 sono stati riscontrati anche in Cina, Stati Uniti, Iran, Italia e Germania.[4]

Fino ad ora non esisteva una ricerca specifica che collegasse direttamente il COVID-19 all'anosmia, ma secondo un comunicato dell'ENTUK, di tutti i casi di anosmia negli adulti, il 40% è causato da virus.

Spesso si pensa che i virus che scatenano l'influenza siano la causa dell'anosmia, e più di 200 diversi virus sono noti anche per innescare infezioni del tratto respiratorio superiore.

Ben il 10-15% dei casi di anosmia è causato anche da vari virus Corona precedenti a SARS-CoV-2, quindi non sorprende che il COVID-19 sia anche causa di anosmia e disgeusia negli infetti.[5]

Sebbene supportati da dati e fatti dei precedenti virus Corona, gli scienziati pensano che sia ancora troppo presto per valutare la reale relazione tra i due.

Secondo il dott. Thomas Hummel, medico e ricercatore presso la Clinica dell'olfatto e del gusto, dipartimento di otorinolaringoiatria, facoltà di medicina dell'Università tecnica di Dresda in Germania, lì molte persone perdono anche la capacità di annusare e gustare, ma non sono legate al virus. [6]

Pertanto, sono ancora necessari più dati. Dopo che saranno disponibili dati più completi, possiamo scoprire di più sulla percentuale di pazienti COVID-19 che manifestano anosmia e disgeusia e quando compaiono questi sintomi, quanto gravi sono questi sintomi nel tempo e quando questi sintomi possono scomparire.

Se la ricerca futura dimostra che esiste una correlazione tra COVID-19 e anosmia e disgeusia, allora questi sintomi potrebbero servire da guida per i medici che curano il COVID-19.

Quindi, se attualmente senti che la tua capacità di odorare e gustare è diminuita, non c'è bisogno di farsi prendere dal panico. C'è la possibilità che la tua anosmia e disgeusia siano causate dal comune virus del raffreddore, e non il virus Corona.

I sintomi del Corona Virus a cui dobbiamo prestare attenzione

L'anosmia e la disgeusia da sole non sono sufficienti per rilevare se una persona ha o meno il virus Corona. Tuttavia, dobbiamo essere vigili se questi due sintomi sono accompagnati anche da altri sintomi del Corona virus.

Ci sono vari sintomi di COVID-19 che sono stati riportati nei malati. Tuttavia, i sintomi più comuni includono febbre, affaticamento e tosse secca.

Alcuni malati sperimentano anche mancanza di respiro, mal di gola, dolori e dolori muscolari e articolari. Oltre a ciò, una minoranza ha riportato sintomi di diarrea, nausea o congestione nasale.

Non di rado ci sono anche persone infette ma che non avvertono alcun sintomo (asintomatica).

Fino all'80% delle persone infette dal virus Corona non ha bisogno di essere ricoverato in ospedale e viene chiesto solo di autoisolarsi a casa fino a quando i risultati del test non diventano negativi.

Tuttavia, per coloro che hanno più di 60 anni e/o hanno malattie ereditarie come ipertensione, disturbi cardiovascolari, diabete e malattie autoimmuni, il rischio è maggiore di soffrire di sintomi più gravi, fino alla morte.[2]

Monitorare lo sviluppo della situazione pandemica in Indonesia attraverso il sito web ufficiale del Ministero della Salute della Repubblica di Indonesia.