Salute

Elenco di alimenti che i pazienti autoimmuni devono evitare

I malati autoimmuni sono più suscettibili a varie malattie. Pertanto, i pazienti autoimmuni devono eseguire un protocollo autoimmune o la cosiddetta dieta AIP. Un modo per evitare alcuni tipi di cibo di seguito.

Che cos'è una malattia autoimmune?

Segnalato da linea della saluteLa malattia autoimmune è una condizione in cui il tuo sistema immunitario attacca il tuo stesso corpo. Il sistema immunitario normalmente protegge da germi come batteri e virus.

Normalmente, il sistema immunitario può distinguere tra cellule estranee e cellule proprie.

Nelle malattie autoimmuni, il sistema immunitario percepisce erroneamente parti del proprio corpo, come le articolazioni o la pelle, come estranee. Rilascia proteine ​​chiamate autoanticorpi che attaccano le cellule sane.

Alcune malattie autoimmuni colpiscono un solo organo. Il diabete di tipo 1 danneggia il pancreas. Altre malattie, come il lupus eritematoso sistemico (LES), colpiscono l'intero corpo.

È importante prestare attenzione all'assunzione di cibo nei pazienti autoimmuni?

Devi sapere che i pazienti autoimmuni sono molto importanti per mantenere la loro dieta. Lancio di una spiegazione dalla pagina linea della salute, la dieta dei pazienti autoimmuni è anche conosciuta come protocollo autoimmune (AIP) o dieta AIP.

Queste linee guida dietetiche mirano ad alleviare l'infiammazione e altri sintomi causati da condizioni autoimmuni. Un sistema immunitario sano è progettato per produrre anticorpi che attaccano le cellule estranee o dannose nel tuo corpo.

Tipi di cibo che possono essere consumati da pazienti autoimmuni

Segnalato da linea della salute, durante la dieta AIP, diversi tipi di questi alimenti possono essere inclusi nella dieta per chi soffre di autoimmunità:

  • Carne e pesce.
  • Verdure, ad eccezione delle verdure della famiglia delle Solanacee (come pomodori, melanzane, peperoni, patate e simili).
  • Patata dolce.
  • Crema di cocco.
  • Olio di avocado, olio di oliva, olio di cocco.
  • Alimenti fermentati senza latticini, come kombucha o kimchi.
  • Spezie, come basilico, menta e origano.
  • Tè verde.
  • Brodo di stufato di ossa.
  • Aceti, come l'aceto di mele e l'aceto balsamico.
  • Frutta, ma solo in piccole quantità. Sottoponendosi a una dieta per malattie autoimmuni, in realtà non sempre è permesso mangiare la frutta.
  • Miele o sciroppo d'acero, ma solo in piccole quantità.

Tipi di alimenti vietati a chi soffre di malattie autoimmuni

Oltre ai diversi tipi di alimenti di cui sopra che possono essere consumati, ecco anche alcuni tipi di alimenti che non dovrebbero essere consumati da chi soffre di malattie autoimmuni, tra cui:

  • Cereali, come grano e riso.
  • Tutti i prodotti lattiero-caseari.
  • Uovo.
  • Noci, come le arachidi.
  • Verdure della famiglia delle solanacee, come pomodori, peperoni, patate, melanzane e simili.
  • Tutti i tipi di zucchero, compresi i sostituti dello zucchero.
  • Burro.
  • Cioccolato.
  • Gomma da masticare.
  • Alimenti che contengono additivi.
  • Tutti i tipi di olio, eccetto l'olio di avocado, l'olio d'oliva e l'olio di cocco sopra menzionati.
  • Alcool.
  • Addensante per alimenti o bevande.
  • Cibi ricchi di grassi e colesterolo.

Oltre a vari alimenti per chi soffre di autoimmunità che devono essere evitati, ci sono anche una serie di farmaci che non dovrebbero essere consumati. Ad esempio, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come ibuprofene, aspirina e naprossene sodico.

La dieta delle malattie autoimmuni sembra molto rigida perché ha restrizioni per alcuni tipi di alimenti. Potresti trovare difficile viverlo, soprattutto se le restrizioni alimentari influenzano il tuo stile di vita quotidiano.

Come funziona la dieta AIP per chi soffre di autoimmunità?

Spiegazione di linea della salute, la dieta AIP somiglia alla paleodieta, sia nelle tipologie di alimenti permessi ed evitati, sia nelle fasi che li compongono.

A causa delle sue somiglianze, molti considerano la dieta AIP un'estensione della dieta paleo, sebbene l'AIP possa essere vista come una versione più restrittiva.

La dieta AIP si compone di due fasi principali, ovvero:

Fase di eliminazione

La prima fase è quella di eliminazione che prevede lo smaltimento di cibo e farmaci. Si ritiene che questa fase causi infiammazione intestinale, uno squilibrio tra i livelli di batteri buoni e cattivi nell'intestino o una risposta immunitaria.

Durante questa fase vengono completamente evitati cibi come cereali integrali, legumi, noci, semi, belladonna, uova e latticini.

Dovrebbero essere evitati anche tabacco, alcol, caffè, oli, additivi alimentari, zucchero raffinato e raffinato e alcuni farmaci, come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

La durata della fase di eliminazione della dieta varia, come viene solitamente mantenuta fino a quando una persona non avverte una marcata riduzione dei sintomi.

In media, la maggior parte delle persone mantiene questa fase per 30-90 giorni, ma alcuni potrebbero vedere un miglioramento già nelle prime 3 settimane.

Fase di reintroduzione

Durante questa fase, gli alimenti evitati vengono reinseriti gradualmente nella dieta, uno alla volta, in base alla tolleranza della persona.

L'obiettivo di questa fase è identificare quali alimenti stanno contribuendo ai sintomi di una persona e reintrodurre tutti gli alimenti che non causano alcun sintomo, continuando a evitare gli alimenti che causano tali sintomi.

Ciò consente la più ampia varietà di cibo che una persona può tollerare.

Durante questa fase, gli alimenti dovrebbero essere reintrodotti uno alla volta, lasciando 5-7 giorni prima di reintrodurre cibi diversi.

Ciò consente a una persona di avere tempo sufficiente per notare se i sintomi ricompaiono prima di continuare con il processo di reintroduzione.

Consulta i tuoi problemi di salute e la tua famiglia attraverso il servizio Good Doctor 24/7. I nostri partner medici sono pronti a fornire soluzioni. Dai, scarica l'applicazione Good Doctorqui!