Salute

Conoscere i test sierologici di laboratorio per COVID-19

Da quando l'epidemia di COVID-19 è entrata per la prima volta in Indonesia, il governo ha iniziato a condurre test aggressivi in ​​molte aree per rilevare la diffusione del virus. oltretutto test rapido e PCR, è emerso di recente un nuovo test chiamato sierologia.

Che cos'è un test sierologico? È efficace rilevare il virus che causa il COVID-19? Dai, guarda la seguente recensione!

Leggi anche: Si riscontrano casi Corona senza sintomi, quali sono le caratteristiche?

Che cos'è un test sierologico?

Segnalato da linea della salute, Il test sierologico è un tipo di esame del sangue che si concentra sulla rilevazione degli anticorpi. In generale, questo test viene solitamente eseguito in laboratorio per stabilire una diagnosi di una malattia.

I test sierologici vengono eseguiti per rilevare le proteine ​​create dal sistema immunitario del corpo. La presenza di proteine ​​o anticorpi indica che il sistema immunitario sta combattendo contro sostanze estranee dall'esterno, siano essi virus, batteri o funghi.

Cosa sono gli anticorpi e gli antigeni?

Per comprendere meglio questo test sierologico, è necessario prima comprendere i concetti di anticorpi e antigeni. Il motivo è che queste due sostanze sono interconnesse e indicano che c'è o c'è stata un'infezione nel corpo.

L'antigene stesso è una sostanza che richiede una risposta dal sistema immunitario. Questa sostanza entrerà nel corpo attraverso la bocca, la pelle aperta o attraverso le vie respiratorie. Gli antigeni che colpiscono comunemente gli esseri umani includono:

  • batteri
  • Muffa
  • Virus
  • Parassita

Inoltre, il sistema immunitario combatterà l'antigene producendo anticorpi. Questi anticorpi sono particelle che si attaccano a un antigene per renderlo inattivo.

In certi momenti, il corpo può scambiare i tessuti sani come una minaccia esterna e produrre anticorpi non necessari. Questo è ciò che è noto come una malattia autoimmune. In questo caso i test sierologici possono essere utilizzati anche per diagnosticare questa condizione.

Tipi di test sierologici

Esistono diversi tipi di anticorpi. Pertanto, esistono vari test utilizzati per rilevare la presenza di diversi tipi di anticorpi. Tra gli altri ci sono:

  • Test di agglutinazione per mostrare se l'esposizione degli anticorpi agli antigeni provoca l'agglomerazione delle particelle
  • Test di precipitazione per mostrare se un antigene è simile misurando la presenza di anticorpi nei fluidi corporei
  • Western blot test identificare gli anticorpi antimicrobici nel sangue osservando la loro reazione all'antigene bersaglio

Test sierologico per COVID-19

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno spiegato che nei casi di COVID-19 vengono utilizzati test sierologici per rilevare la presenza di anticorpi SARS-CoV-2 presenti nei componenti del siero o del plasma sanguigno.

Il test sierologico per COVID-19 utilizza una proteina del coronavirus inattivata (virus morto) come antigene.

La cosa da ricordare, i test sierologici non lo sonoper rilevare la presenza del virus Corona, ma gli anticorpi creati per combatterlo, ovvero l'immunoglobulina M (IgM) e l'immunoglobulina G (IgG).

I test sierologici compaiono più tardi dopo i test rapidi (test rapido) e tampone (tampone). Si dice che questo test abbia una sensibilità fino al 96 percento e si ritiene che sia in grado di identificare l'infezione passata di una persona.

Immunoglobulina G (IgG)

L'immunoglobulina G (IgG) è un anticorpo che mantiene una "traccia" di infezioni passate. Cioè, la presenza di questi anticorpi può indicare che hai avuto determinate infezioni.

In questo modo, il sistema immunitario può fornire protezione al corpo in futuro dalla stessa infezione.

Immunoglobulina M (IgM)

L'immunoglobulina M o IgM è un anticorpo che viene prodotto per la prima volta dal sistema immunitario una volta che un virus o un batterio infettano con successo. In altre parole, questi anticorpi si formeranno da soli dopo che un'infezione virale o batterica è entrata con successo nel corpo.

Quando dovresti fare un test sierologico per COVID-19?

Come già spiegato, i test sierologici sono test che funzionano per rilevare la presenza di anticorpi nell'organismo. Per l'attuazione del test, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda a tutti di farlo, anche se non si hanno sintomi di COVID-19.

Nel frattempo, secondo Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, Il test COVID-19 è altamente raccomandato per le persone con le seguenti condizioni:

  • Incontra persone positive al COVID-19.
  • Partecipa a un evento con più di 10 persone in un'area ad alto rischio.

Confronto dei test sierologici con altri test per COVID-19

Esecuzione di test sierologici con test rapido non proprio così diverso. Se risultato test rapido possono essere rilevati in loco, i test sierologici hanno esami del sangue più complicati in laboratorio. Questo è ciò che rende i test sierologici affermati di avere una maggiore sensibilità.

Test rapido e i test sierologici rilevano entrambi la presenza di anticorpi IgG e IgM nel corpo, che sono proteine ​​del sistema immunitario per combattere le infezioni.

Intanto, per rilevare la presenza di un virus, c'è un test chiamato reazione a catena della polimerasi (PCR). In Indonesia, il test PCR è anche conosciuto come tampone o striscio tampone.

Citato dalla pagina Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)Il test PCR è un test molecolare che mira a rilevare il materiale genetico di un virus. In questo caso, il test PCR viene utilizzato per determinare se il virus SARS-Cov-2 è presente o meno nel corpo.

Leggi anche: Importante! Questa è la differenza tra il test PCR e il test rapido COVID-19 che dovresti sapere

Risultati del test sierologico

I risultati dei test sierologici sono divisi in due, vale a dire reattivi e non reattivi. Se i risultati del test mostrano non reattività, significa che il corpo non produce anticorpi IgM e IgG.

Anche così, un risultato non reattivo non significa che sei libero dalla minaccia del virus. Perché, in generale, gli anticorpi stessi si formano entro una o tre settimane dall'esposizione a sostanze estranee come i virus.

Nel frattempo, se i risultati sono reattivi, è probabile che il tuo corpo sia stato infettato da virus, batteri o funghi. Tuttavia, ciò richiede anche ulteriori test per stabilire una diagnosi.

Cosa fare dopo un test sierologico?

Se il test sierologico mostra un risultato reattivo, di solito l'operatore sanitario ti indicherà di eseguire un test PCR. Questo test viene utilizzato per rilevare la presenza di un virus. Se il risultato del test PCR è positivo, sarai sottoposto a cure speciali.

Nel frattempo, se il test sierologico mostra risultati non reattivi, si consiglia comunque di applicare protocolli sanitari, ad esempio distanziamento fisico. Tuttavia, è possibile che i medici raccomandino l'auto-quarantena.

Perché, potresti essere una persona asintomatica o conosciuta come una persona asintomatica (OTG). Le persone senza sintomi non hanno bisogno di cure ospedaliere, perché non ci sono lamentele da curare.

È necessario il test sierologico dopo il vaccino?

Oltre all'infezione, la risposta immunitaria alla produzione di anticorpi si verifica anche dopo la vaccinazione. Per questo motivo, questo test sierologico è considerato un modo per vedere l'efficacia della vaccinazione che stai facendo.

Tuttavia, si è scoperto che questo test non è stato raccomandato da uno specialista in pneumologia dell'Erlina Burhan Friendship Center General Hospital. Il motivo, ha affermato che l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) non lo ha raccomandato.

Inoltre, il portavoce per la vaccinazione COVID-19 del Ministero della Salute, la dott.ssa Siti Nadia Tarmizi, non raccomanda test anticorpali indipendenti. Perché i risultati del test possono causare confusione e dubbi.

“Dopo la vaccinazione contro il COVID-10 non consigliamo di eseguire test anticorpali in modo indipendente. Perché per coloro che non capiscono il significato del test sugli anticorpi, causerà confusione", ha detto.

Non affidarti solo ai test sierologici per il COVID-19

Poiché questo test sierologico dipende dalla presenza di anticorpi, questo test non deve essere utilizzato come punto di riferimento per determinare la presenza del virus COVID-19 nel corpo. Il motivo è che se questo test viene eseguito nelle prime fasi dell'infezione, la risposta immunitaria è in corso.

In quella fase, gli anticorpi potrebbero non essere rilevati da questo test. Ecco perché la Food and Drugs Administration (FDA) degli Stati Uniti non raccomanda i test sierologici come singolo test per diagnosticare l'infezione da COVID-19.

Questo COVID-19 solleva ancora molte domande che devono essere studiate ulteriormente. Uno di questi è se con la presenza di anticorpi che sono stati trovati da questo test, puoi essere libero da infezioni ripetute con questa malattia o fino a che punto questa immunità sarà forte.

Bene, questa è una revisione dei test sierologici per COVID-19 che devi sapere. Continua ad applicare i protocolli sanitari ovunque tu sia per aiutare a spezzare la catena della diffusione del Corona virus, sì!

Consultazione completa su COVID-19 presso la Clinic Against COVID-19 con i nostri partner medici. Dai, fai clic su questo link per scaricare l'applicazione Good Doctor!