Salute

Gli immunosoppressori riducono l'efficacia dei vaccini COVID-19? Questa è la spiegazione dell'esperto

Ottenere il vaccino COVID-19 aiuterà il corpo a formare l'immunità contro il virus SARS-CoV-2. I vaccini aiutano anche a prevenire che una persona manifesti sintomi gravi se viene infettata da COVID-19.

Ecco perché è importante ottenere il vaccino COVID-19 il prima possibile. Sebbene ci siano alcune condizioni che devono essere considerate prima di ricevere il vaccino. Ad esempio, le persone che assumono farmaci che sopprimono il sistema immunitario.

Che cos'è un farmaco soppressore del sistema immunitario?

I farmaci immunosoppressori o immunosoppressori o immunosoppressori sono tipi di farmaci che sopprimono o riducono la forza del sistema immunitario. Questo farmaco è usato in condizioni speciali.

Per i pazienti sottoposti a trapianto di organi

Ad esempio, per le persone sottoposte a un intervento chirurgico di trapianto di organi, come fegato, cuore o reni. Il modo in cui questo farmaco agisce nei pazienti trapiantati è sopprimendo il sistema immunitario in modo che non attacchi l'organo appena ricevuto dal donatore.

Perché l'organo sarà considerato un oggetto estraneo. Se non prendi farmaci immunosoppressori, il tuo sistema immunitario leggerà l'organo donato come pericoloso e quindi lo attaccherà.

Se ciò accade, l'organo appena donato sarà danneggiato. Di conseguenza, l'organo deve essere nuovamente rimosso. Con i farmaci immunosoppressori, il sistema immunitario sarà indebolito, quindi non attaccherà l'organo del donatore.

Per trattare l'autoimmune

Questo farmaco è anche usato per trattare i disturbi autoimmuni. Alcuni tipi di disturbi autoimmuni che richiedono questo farmaco includono;

  • Lupus
  • Psoriasi
  • Artrite reumatoide
  • Morbo di Crohn
  • Sclerosi multipla
  • Alopecia areata

Nelle persone con malattie autoimmuni, il sistema immunitario attacca i tessuti del corpo. Questo farmaco indebolirà il sistema immunitario. Ciò ridurrà la reazione del sistema immunitario e ridurrà l'impatto delle malattie autoimmuni.

Qual è la relazione tra farmaci immunosoppressori ed efficacia del vaccino?

Come accennato in precedenza, i farmaci immunosoppressori sono comunemente usati per trattare le malattie autoimmuni o per i pazienti sottoposti a trapianto di organi.

Secondo il dott. Beth Wallace, un reumatologo della Michigan Medicine, uno dei farmaci immunosoppressori più comunemente usati sono gli steroidi. Questo farmaco viene solitamente somministrato anche per il trattamento di eruzioni cutanee allergiche, bronchiti e infezioni del seno.

Di solito dato solo a breve termine. Bene, si scopre che l'uso dell'immunosoppressione, incluso questo steroide, può influenzare l'efficacia del vaccino COVID-19.

I farmaci immunosoppressori possono ridurre l'efficacia del vaccino COVID-19

"Poiché gli steroidi sono altamente immunosoppressivi, abbiamo appreso che anche l'uso a breve termine e a basse dosi può aumentare il rischio di infezione", ha affermato il dottor Wallace. linea della salute.

Inoltre, l'uso di steroidi può anche ridurre la risposta dell'organismo ai vaccini, incluso il vaccino COVID-19. Il motivo, perché il vaccino viene inserito nel corpo nella speranza di introdurre la minaccia del virus al sistema immunitario.

Quindi dal vaccino, il sistema immunitario risponderà formando l'immunità. Tuttavia, i farmaci immunosoppressori possono ridurre la capacità di riconoscere e combattere le minacce.

"Stiamo iniziando a capire che le persone che assumono farmaci immunosoppressori possono avere una risposta più lenta e più debole al vaccino COVID-19", ha continuato Wallace.

Soluzioni per pazienti che assumono farmaci immunosoppressori

Un epidemiologo che lavora in Dana-Farber Cancer Institute e Brigham and Women's Hospital. Dott. Meghan Baker, ha affermato che gli esperti raccomandano di completare un vaccino COVID-19, almeno 2 settimane, prima di iniziare il trattamento.

Ma è possibile se c'è un tempo flessibile nella terapia immunosoppressiva. Nel frattempo, Wallace, sempre dalla stessa fonte, suggerisce di interrompere il trattamento immunosoppressore per un po', più o meno al momento di ricevere il vaccino, fino a quando non viene somministrata la dose completa. Tuttavia, qualunque sia la scelta, si deve tener conto del fatto che sia possibile o meno.

Il paziente deve prima consultare il medico curante. I medici forniranno una panoramica dei rischi rispetto ai benefici che si verificheranno se si ritarda la terapia per ricevere il vaccino COVID-19.

I pazienti che assumono immunosoppressori devono ancora essere vaccinati contro il COVID-19?

Sebbene vi sia un possibile indebolimento dell'efficacia del vaccino, tuttavia, le persone che assumono farmaci immunosoppressori dovrebbero essere vaccinate. Dopotutto, il vaccino fornirà protezione da COVID-19.

"Un vaccino può ridurre le loro possibilità di contrarre l'infezione o di sviluppare malattie gravi se infettati (COVID-19)", ha detto Baker linea della salute.

Un'ulteriore nota per i pazienti che assumono immunosoppressori è che, poiché l'efficacia del vaccino può essere ridotta, è ancora necessario seguire i protocolli sanitari per ridurre al minimo l'esposizione a SARS-CoV-2.

Consultazione completa su COVID-19 presso la Clinic Against COVID-19 con i nostri partner medici. Dai, fai clic su questo link per scaricare l'applicazione Good Doctor!