Salute

Stitichezza: riconoscere i sintomi, le cause e come prevenirla

La stitichezza è un problema molto comune sperimentato da chiunque. Una persona può essere considerata stitica se in una settimana defeca solo per meno di tre volte, o ciò che viene comunemente chiamato stitichezza.

Il trattamento per la stitichezza cronica dipende dalla causa sottostante. Tuttavia, in alcuni casi la causa non viene trovata.

Leggi anche: Oltre ad abbassare il colesterolo, le melanzane possono prevenire l'invecchiamento precoce! Mangiamo

Opinioni sulla stitichezza

Sebbene la stitichezza sia comune, è uno dei sintomi intestinali più difficili da definire. Pazienti, medici e fisiologi (che studiano come funziona il corpo) hanno opinioni diverse su questa condizione, a causa delle varie caratteristiche della stitichezza.

Citato da aboutconstipation.org queste sono le opinioni.

Il punto di vista del paziente

La stitichezza sembra diversa a persone diverse. Una persona può segnalare la stitichezza se sente che qualcosa non va nella sua digestione, fino al punto in cui si sente a disagio.

La maggior parte delle persone riferisce di avere almeno 3 movimenti intestinali a settimana, quindi meno di questo è considerato anormale.

La frequenza da sola non può essere considerata un indicatore di stitichezza. La consistenza o la forma delle feci può essere la ragione, lo sforzo richiesto per svenire è importante almeno quanto la frequenza.

Il punto di vista del dottore

I medici di solito chiedono quali sintomi si verificano per fare una diagnosi. In caso di stitichezza, i sintomi sono vari e talvolta inappropriati.

Segnalato da aboutconstipating.org, nella costipazione idiopatica cronica, non ci sono segni oggettivi che possono essere osservati. Per questo motivo criteri diagnostici basati sui sintomi (criteri Rom) sono stati sviluppati da un gruppo di esperti che suggeriscono che la causa è sconosciuta (idiopatica).

vista fisiologica

Per identificare la stitichezza, i fisiologi studiano come funziona l'intestino, cercano di misurare la funzione intestinale e determinare la differenza tra normale e anormale. Il più semplice è misurare il tempo di transito intestinale.

Il metodo più comune consiste nel monitorare l'avanzamento di un numero di marcatori a raggi X piccoli ma rilevabili mentre si muovono attraverso l'intestino. In questo modo verrà misurato il tempo che impiega lo sgabello a muoversi.

Altri test misurano le contrazioni del colon o dei muscoli pelvici associati ai movimenti intestinali.

Vista pratica

Il test non è pratico per le visite mediche di routine e si discute molto sulla definizione di un test normale. La bilancia da banco Bristol è un metodo che tutti possono usare.

Le feci dure (tipo 1) rappresentano il transito più lento, mentre le feci molli e molli (tipo 7) sono un transito rapido e causano diarrea. Il passaggio duro o poco frequente di feci di tipo 1 o 2 fornisce una regola empirica per la stitichezza.

Scala di Bristol. Fonte foto www.shutterstock.com
  • Le feci di tipo 1 sono piccole e dure come noci (difficili da superare)
  • Gli sgabelli di tipo 2 sono a forma di salsiccia ma spessi
  • Le feci di tipo 3 sono come le salsicce ma con crepe sulla superficie
  • Gli sgabelli di tipo 4 sono come salsicce o serpenti, lisci e morbidi
  • Sgabello tipo 5 grumi morbidi con bordi chiari (facili da passare)
  • Sgabello tipo 6 a taglio liscio con bordi frastagliati, sgabello molle
  • Feci di tipo 7 acquose, senza solidi (interamente liquide)

Sintomi di stitichezza

Spesso considerata una malattia comune, la stitichezza può rivelarsi una malattia cronica, lo sai! Può anche essere una barriera per il tuo movimento. Pertanto è importante che tu conosca i sintomi di questa malattia.

  • Defecare solo meno di tre volte a settimana
  • Difficoltà a defecare a causa di feci dure
  • Sensazione di qualcosa di bloccato nel retto
  • Sensazione di pienezza o gonfiore, anche dopo aver avuto un movimento intestinale
  • Richiede la necessità di urinare, come strofinare la schiena o lo stomaco

La stitichezza può essere considerata cronica se si verificano alcuni di questi sintomi per tre mesi.

Quali sono le cause della stitichezza?

Alcune persone possono soffrire di stitichezza, è solo che dura solo per un breve periodo. Tuttavia, in alcuni casi, la stitichezza può diventare una malattia cronica se la stitichezza dura per più di tre mesi.

La difficoltà a far passare le feci si verifica spesso quando le feci si muovono troppo lentamente attraverso il tratto digestivo, il che le fa diventare dure e secche. La stitichezza cronica ha diverse cause, come ad esempio:

Costipazione a causa di un blocco nell'intestino crasso

Un blocco può rallentare o arrestare il movimento delle feci, perché:

  1. Blocco nell'intestino
  2. Cancro al colon
  3. Restringimento del colon
  4. Altri tumori dello stomaco che premono sul colon
  5. cancro anale
  6. Il retto sporge attraverso la parete posteriore della vagina
  7. Problemi ai nervi intorno all'intestino crasso e al retto

Problemi ai nervi intorno all'intestino crasso e al retto

I problemi neurologici possono influenzare i nervi che causano la contrazione dei muscoli del colon e del retto nelle feci in movimento attraverso l'intestino, le cause includono:

  1. Danni ai nervi che controllano le funzioni corporee (neuropatia autonomica)
  2. Sclerosi multipla
  3. morbo di Parkinson
  4. lesione alla colonna vertebrale
  5. ictus
  6. Difficoltà con i muscoli coinvolti nell'eliminazione

Difficoltà con i muscoli coinvolti nell'eliminazione

Problemi con i muscoli pelvici coinvolti nei movimenti intestinali possono portare a costipazione cronica, come ad esempio:

  1. Incapacità di rilassare i muscoli pelvici per consentire un movimento intestinale (anismo)
  2. Muscoli pelvici che non coordinano correttamente il rilassamento e la contrazione (dissinergia)
  3. Muscoli pelvici deboli
  4. Condizioni che influenzano gli ormoni nel corpo

La stitichezza è una condizione che colpisce gli ormoni nel corpo

Gli ormoni aiutano a bilanciare i liquidi nel corpo. Malattie e condizioni che interrompono l'equilibrio ormonale possono causare stitichezza, tra cui:

  1. Diabete
  2. Ghiandole paratiroidi iperattive (iperparatiroidismo)
  3. Gravidanza
  4. Una tiroide ipoattiva (ipotiroidismo)

Fattori che aumentano il rischio di stitichezza

La defecazione è l'ultimo stadio del processo digestivo. Nell'apparato digerente umano, il cibo consumato andrà allo stomaco, all'intestino tenue, quindi all'intestino crasso.

Il resto del cibo verrà espulso nell'ano con l'aiuto dell'acqua di cui il corpo ha bisogno e viene assorbito dall'intestino.

La stitichezza non viene vissuta improvvisamente senza motivo. Diverse ragioni possono essere un fattore nell'avere difficoltà a defecare, la dieta e lo stile di vita sono fattori comuni per la stitichezza. Altri fattori includono:

  • La mancanza di acqua potabile
  • Mangia cibi a basso contenuto di fibre
  • Meno attivo
  • Ritardare la voglia di defecare
  • Assunzione di alcuni farmaci, come sedativi, antidolorifici oppioidi e farmaci per abbassare la pressione sanguigna
  • Avere una condizione di salute mentale come la depressione o un disturbo alimentare

Complicazioni della stitichezza cronica

La stitichezza ha anche complicazioni che possono rendere la tua situazione ancora più preoccupante, come:

  • Vene gonfie nell'ano (emorroidi). Forzare la voglia di defecare può causare gonfiore nelle vene intorno all'ano
  • C'è un graffio nell'ano, a causa di feci troppo dure e grandi
  • Forzare le feci fuori spingendo con forza, può causare l'allungamento e la sporgenza di parte del retto dall'ano (prolasso rettale)

Prevenzione e trattamento della stitichezza

Prevenire la stitichezza in generale è semplicemente mantenere una dieta sana. Ma non solo, questa è prevenzione e come trattarla in modo da non avere difficoltà a defecare.

  • Bevi più acqua

Bere abbastanza acqua aiuta le feci o le feci a muoversi più facilmente attraverso l'intestino. Bevi da 1 a 2 litri di acqua al giorno (a meno che il medico non raccomandi una dieta a basso contenuto di liquidi). La fibra e l'acqua possono lavorare insieme per rendere regolari i movimenti intestinali.

  • Evita la caffeina

Troppa caffeina può causare disidratazione

  • Ridurre il consumo di latte

I latticini possono causare stitichezza in alcune persone

  • Mangia cibo fibroso

Mangiare cibi ricchi di fibre come frutta, verdura e pane integrale può aiutare a prevenire la stitichezza. La fibra non può essere digerita, quindi aiuta a pulire l'intestino.

Una dieta malsana o se mangi cibi grassi, dolci o troppo ricchi di amido, può rallentare il sistema digestivo.

  • Abituati a fare esercizio

L'attività fisica può indurre lo stomaco a reagire. Quando muovi il tuo corpo, i tuoi muscoli intestinali saranno più attivi. Fai esercizio per almeno 30 minuti al giorno e diversi giorni alla settimana. Quindi inizia a fare esercizio in modo da evitare questa malattia della stitichezza!

  • Mangia regolarmente

Poiché mangiare è uno stimolante naturale per l'intestino, mangiare regolarmente può aiutarti a sviluppare abitudini intestinali regolari.

  • Non ritardare o trattenerlo se vuoi defecare

Se stai combattendo l'impulso di andare in bagno, interrompi immediatamente l'abitudine. Perché idealmente devi espellere anche dopo aver mangiato.

  • Prendi lassativi

Esistono diversi tipi di lassativi, ognuno dei quali ha un modo diverso di agire per alleviare la stitichezza. Se ti senti confuso, puoi consultare un medico per chiedere quale tipo di medicinale è adatto a te e per quanto tempo dovresti prenderlo.

Questi piccoli cambiamenti possono aiutare la maggior parte delle persone che sono stitiche e farle sentire meglio.

Leggi anche: 8 benefici dell'anguria: previeni la disidratazione per superare la stitichezza!

Quando andare dal dottore?

Chiama il tuo medico se improvvisamente provi stitichezza accompagnata da dolore addominale o crampi e non riesci a urinare o a emettere gas. Puoi anche chiamare il tuo medico se:

  • La stitichezza è nuova per te e i cambiamenti nello stile di vita non aiutano
  • Sanguinamento durante la defecazione
  • Perdere peso all'improvviso
  • Provare un dolore eccessivo durante la defecazione
  • Costipazione che dura da più di 2 settimane
  • Le dimensioni, la forma e la consistenza delle feci sono cambiate drasticamente

Prove da fare

Se vai dal medico, il medico può raccomandare diversi test per trovare la causa della tua stitichezza, come ad esempio:

  • Esami del sangue per controllare i livelli ormonali
  • Un test che esaminerà i muscoli dell'ano
  • Un test che mostra come i rifiuti entrano ed escono dal colon
  • Colonscopia per ricercare ostruzioni nell'intestino crasso

Hai ulteriori domande su altre informazioni sulla salute? Si prega di chattare direttamente con il nostro medico per una consulenza. I nostri partner medici sono pronti a fornire soluzioni. Dai, scarica l'applicazione Good Doctor qui!